L’altro cuore, quello delle buone azioni

solidarietaCerignola – Vincenzo Lopez è l’alunno più buono d’Italia che a soli 11 anni si occupa dei nonni e del fratellino.
Ogni giorno infatti aiuta il nonno che non gode di buona salute e sua nonna, con i quali vive insieme al fratello minore. A 11 anni si comporta come un capofamiglia, si occupa di tutte le incombenze quotidiane, con una disponibilità e dolcezza nei confronti dei due anziani tale da suscitare tenerezza ed ammirazione.
Questa è la storia di Vincenzo Lopez, alunno della scuola Media Pavoncelli di Cerignola, che ha ricevuto il Premio Bontà 2012 istituito dall’Associazione “L’Alunno più buono d’Italia, Premio Ignazio Salvo”.
Vincenzo rappresenta un esempio di bontà, generosità e dedizione, è protagonista di una straordinaria testimonianza d’amore nei confronti dei suoi nonni.
Altro esempio di altruismo è quello degli alunni di quinta elementare della scuola “Marconi” , che hanno ricevuto a Roma il Premio “Livio Tempesta”, per aver aiutato per 5 anni, la loro compagna Rossella, una bambina diversamente abile, che in questo modo ha potuto inserirsi bene nell’ambiente scolastico,
gli alunni e gli insegnanti l’hanno sempre fatta sentire protetta, favorendo così la sua piena integrazione scolastica. Il Premio “Livio Tempesta” è stato istituito dal Centro Nazionale per la Bontà nella Scuola per diffondere nella scuola, la cultura dei valori etici e sociali.
Questi esempi positivi arricchiscono la nostra società e dovrebbero essere un modello per tutti.

Nessun commento ancora

Lascia un commento


× 1 = due

No Notify!